meteo
   

Torna Indietro   Forum meteo della regione Emilia Romagna > Meteorologia > Meteorologia

Meteorologia Parliamo di meteorologia...

webcam emilia romagna
Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 10-02-2018, 13:54   #101
Peval
Active Member
 
Data Registrazione: Dec 2009
Località: Ravenna - Mainz
Messaggi: 1.933
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da gibo Visualizza Messaggio
Essendo molto diffidente a questi argomenti, riporto il pensiero di qualcuno che reputo serio (non so se esperto)

Riporto da Facebook

STRATWARMING: NON È TUTTO GELO CIÒ CHE LUCCICA.

Cari amici, ben ritrovati. Nell’articolo di oggi parliamo di un argomento affascinante che però negli ultimi giorni è stato fatto entrare prepotentemente nell’informazione meteorologica per prevedere un fine febbraio da brivido non solo in Europa, ma anche in Italia: si tratta dello Stratwarming. Con questo fenomeno, i fisici dell’atmosfera intendono un riscaldamento repentino della stratosfera polare, cioè di quel settore della colonna atmosferica che sovrasta il Polo e che si trova sopra la troposfera, il luogo dei fenomeni meteorologici. Questo repentino aumento della temperatura determina un indebolimento del Vortice Polare, quella immensa struttura ricolma di aria gelida che nella stagione invernale raggiunge l’apice della propria espansione e potenza, all’incirca sulla verticale delle aree polari dell’Emisfero Nord: dal momento che la struttura di questa figura è paragonabile a una giostra che ruota in senso antiorario (ciclonico) occupando sia la stratosfera che la troposfera, nella letteratura scientifica si parla di Vortice Polare Stratosferico (VPS) e di Vortice Polare Troposferico (VPT). È facile allora concludere che il fenomeno dello Stratwarming interviene rompendo in più parti (detti lobi) la parte del Vortice Polare che si trova in stratosfera, cioè il VPS.

Perché, allora, è diventato così interessante parlare di questo argomento negli ultimi giorni? Perché la modellistica numerica che si occupa di prevedere l’evoluzione del VPS ha lasciato intendere che è previsto un repentino riscaldamento di alcuni settori della stratosfera polare entro la prima parte della prossima settimana. A circa 30.000 metri di quota, nei prossimi quattro giorni il VPS vedrà infatti un sensibile aumento della temperatura stimabile in circa 60 °C (da -70 °C a -10 °C) in appena 96 ore nell’area europea che causerà una trasformazione repentina della sua struttura. Il VPS passerà così dall’essere caratterizzato da una forma a occhiale con due minimi (il primo tra il Canada e la Groenlandia e il secondo sulla Siberia, fig. 1 a sinistra) a due distinte circolazioni depressionarie in cui il primo lobo dovrebbe collocarsi sempre nei dintorni del Canada, il secondo dovrebbe muoversi grosso modo verso l’Europa orientale (fig. 1 a destra) e nel mezzo un Anticiclone Polare (AP). Il problema legato all’informazione meteorologica che sta andando per la maggiore in questi giorni è considerare l’evoluzione del lobo 2 del VPS che si trova a 30.000 metri di quota per prevedere scenari gelidi in arrivo sull’Europa e sull’Italia, così gelidi da scomodare perfino ciò che successe nel 1985, quando a cavallo tra il dicembre dell’anno prima e il gennaio proprio di quell’anno si verificò uno Stratwarming simile, sia per intensità che per localizzazione.

È possibile saltare a conclusioni così affrettate? Assolutamente no. È certamente vero che i fenomeni di surriscaldamento stratosferico fanno aumentare la probabilità di avere irruzioni di aria gelida verso le basse latitudini dal momento che il Polo viene occupato da un campo anticiclonico che costringe l’aria gelida a trovarsi casa a latitudini più meridionali, però è anche vero che il disturbo arrecato al Vortice Polare dal surriscaldamento non deve interessare solo la stratosfera, ma anche la troposfera: anche il VPT deve quindi indebolirsi e presentare una rottura in lobi. È quindi nostro compito muoverci verso il confine tra stratosfera e troposfera e vedere per esempio se, dopo un certo ritardo rispetto ai tempi di attuazione del riscaldamento stratosferico, il segnale di rottura riesce a propagarsi anche in troposfera destabilizzando così anche il VPT. A tal proposito, ci viene in aiuto la previsione della “vorticità potenziale” calcolata dal modello del centro europeo per lunedì 19 febbraio, cioè sei giorni dopo rispetto a quando il riscaldamento stratosferico avrà destabilizzato il VPS. Detto in parole semplici, con questo parametro andiamo a osservare le aree dell’Emisfero Settentrionale in cui c’è la maggior predisposizione dell’atmosfera a far ruotare in senso ciclonico le masse d’aria. Osservando allora la figura 2, risulta fin troppo evidente come le zone in cui la vorticità potenziale è prevista essere massima siano coincidenti con il primo lobo del VPS, mentre per il secondo lobo non ci sarebbe corrispondenza tra stratosfera e troposfera in quanto sull’area europea la vorticità potenziale è prevista minima e quindi poco significativa.

Ne consegue allora che, almeno fino alla fine della seconda decade di febbraio, le forzanti che avranno in mano le redini della circolazione atmosferica dovrebbero essere nettamente spostate verso il primo lobo del VPT perché sarebbe quello con maggiore energia a disposizione. E infatti, se scendiamo ancora di quota, entriamo in troposfera e ci spostiamo sulla superficie isobarica di 500 hPa (fig. 3), la modellistica numerica ci mostra come sia ancora il lobo 1 del VPT, con la sua strettissima rete di isoipse, a condizionare marcatamente la disposizione del flusso in uscita dal continente americano e diretto verso l’Oceano Atlantico e i settori europei occidentali. Questo segnale evidenzia solo una cosa e cioè che, per il momento, sarà ancora il Vortice Canadese a fare il bello e il cattivo tempo inviando verso l’Europa sistemi di onde più o meno sviluppate in ampiezza, nelle cui conche potrebbero collocarsi normalissime irruzioni di aria fredda tipiche delle nostre latitudini. Su quanto accadrà nella terza decade nelle linee generali e a scala emisferica non è ancora possibile saperlo: bisognerà seguire l’evoluzione passo dopo passo, evitando di forzare le conclusioni perché dispiace, poi, se è la scienza a pagare dazio e a perdere stima per colpa di un’informazione urlata che pensa solo a visibilità e a ritorni economici a suon di click selvaggio.

Andrea Corigliano.
sicuramente corigliano è sia serio che esperto, e l'analisi è ottima c'è però da dire che questa è la previsione di ieri, dove c'è stato il cosiddetto "ritrattamento". La previsione di cosa avverrà alla tropopausa è una delle più difficili: mancanza di osservazioni, un sacco di processi fisici che non sono esplicitamente risolti dal modello ma parametrizzati....personalmente non mi stupirei affatti se da qui ai giorni a seguire le previsioni cambiassero di continuo...l'incertezza è tanta (vedasi anche la figura 3 di corigliano, l 'ensemble spread dell'altezza geopotenziale nell'emisfero nord è parecchio grande).
Peval è online   Rispondi Con Citazione
Vecchio 10-02-2018, 13:58   #102
gibo
Senior Member
 
L'avatar di gibo
 
Data Registrazione: Jan 2006
Località: Sesto Imolese (BO)
Messaggi: 2.872
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da Peval Visualizza Messaggio
sicuramente corigliano è sia serio che esperto, e l'analisi è ottima c'è però da dire che questa è la previsione di ieri, dove c'è stato il cosiddetto "ritrattamento". La previsione di cosa avverrà alla tropopausa è una delle più difficili: mancanza di osservazioni, un sacco di processi fisici che non sono esplicitamente risolti dal modello ma parametrizzati....personalmente non mi stupirei affatti se da qui ai giorni a seguire le previsioni cambiassero di continuo...l'incertezza è tanta (vedasi anche la figura 3 di corigliano, l 'ensemble spread dell'altezza geopotenziale nell'emisfero nord è parecchio grande).
Quelle penso le risolva Madrigali a mente, infatti lui sa già tutto di quello che accadrà da qui a fine mese.
gibo è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 10-02-2018, 14:12   #103
Peval
Active Member
 
Data Registrazione: Dec 2009
Località: Ravenna - Mainz
Messaggi: 1.933
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da gibo Visualizza Messaggio
Quelle penso le risolva Madrigali a mente, infatti lui sa già tutto di quello che accadrà da qui a fine mese.
Peval è online   Rispondi Con Citazione
Vecchio 11-02-2018, 12:12   #104
Simone
Senior Member
 
Data Registrazione: Jan 2013
Località: Bologna (BO) 65 m. s.l.m.
Messaggi: 8.742
Predefinito

Reading ha smesso di farci sognare. Solo alta pressione
Simone è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 13-02-2018, 17:36   #105
gibo
Senior Member
 
L'avatar di gibo
 
Data Registrazione: Jan 2006
Località: Sesto Imolese (BO)
Messaggi: 2.872
Predefinito

Sembra ci siano novità positive per quanto riguarda gli effetti dello stratwarming, anche se ancora non mi affiderei a chi fa proclami riguardo l'evento storico in arrivo.

Gigio, puoi farci un sintetico punto della situazione in modo da capire quali sono i dati oggettivi e quali i visionari?

Grazie
gibo è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 13-02-2018, 18:33   #106
Simone
Senior Member
 
Data Registrazione: Jan 2013
Località: Bologna (BO) 65 m. s.l.m.
Messaggi: 8.742
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da gibo Visualizza Messaggio
Sembra ci siano novità positive per quanto riguarda gli effetti dello stratwarming, anche se ancora non mi affiderei a chi fa proclami riguardo l'evento storico in arrivo.

Gigio, puoi farci un sintetico punto della situazione in modo da capire quali sono i dati oggettivi e quali i visionari?

Grazie
tutto nel campo delle ipotesi, ma nulla di concreto
Simone è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 13-02-2018, 18:35   #107
Simone
Senior Member
 
Data Registrazione: Jan 2013
Località: Bologna (BO) 65 m. s.l.m.
Messaggi: 8.742
Predefinito

questa mi ricorda un avatar.....
Immagini Allegate
Tipo File: png gem-0-186.png (42,6 KB, 14 visite)
Simone è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 13-02-2018, 18:37   #108
Simone
Senior Member
 
Data Registrazione: Jan 2013
Località: Bologna (BO) 65 m. s.l.m.
Messaggi: 8.742
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da gibo Visualizza Messaggio
Sembra ci siano novità positive per quanto riguarda gli effetti dello stratwarming, anche se ancora non mi affiderei a chi fa proclami riguardo l'evento storico in arrivo.

Gigio, puoi farci un sintetico punto della situazione in modo da capire quali sono i dati oggettivi e quali i visionari?

Grazie
in effetti qualche segnale positivo arriva anche da Arpa
Simone è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 13-02-2018, 18:45   #109
gibo
Senior Member
 
L'avatar di gibo
 
Data Registrazione: Jan 2006
Località: Sesto Imolese (BO)
Messaggi: 2.872
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da Simone Visualizza Messaggio
in effetti qualche segnale positivo arriva anche da Arpa
gibo è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 13-02-2018, 20:27   #110
Gigiometeo
Socio AsMER
 
L'avatar di Gigiometeo
 
Data Registrazione: Jan 2006
Località: Bagnacavallo (RA) 11 mslm
Messaggi: 4.755
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da gibo Visualizza Messaggio
Sembra ci siano novità positive per quanto riguarda gli effetti dello stratwarming, anche se ancora non mi affiderei a chi fa proclami riguardo l'evento storico in arrivo.

Gigio, puoi farci un sintetico punto della situazione in modo da capire quali sono i dati oggettivi e quali i visionari?

Grazie
Prendendo come riferimento la nuova emissione del sub-seasonal ECMWF, si nota uno scenario con anomalie bariche positive su nord Europa e negative su area mediterranea per week 9 (26 febbraio-4 marzo) e week 10 (5-11 marzo), con situazione di blocco a bicella (o rex blocking) frequente ma un pò alto di latitudine, e con canale freddo più intenso su centro EU. L'incertezza è comunque elevata, anche se il segnale su ridge nord-europei non è nemmeno così poco confidente (ensemble). Qualche segnale c'è, ma ancora siamo sul vago.
__________________
Detesto la nazionale azzurra, però lo dico. Non me ne fotte nulla del Rwanda, però lo dico. Voi no, non ve ne fotte, ma non lo dite! Non sono eroico; me ne infischio di me stesso, del governo, della politica, del teatro..

C. Bene
Gigiometeo è offline   Rispondi Con Citazione
Rispondi


Utenti Attualmente Attivi Che Stanno Visualizzando Questa Discussione: 1 (0 utenti e 1 ospiti)
 
Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 02:49.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.