meteo
   

Torna Indietro   Forum meteo della regione Emilia Romagna > Meteorologia > Meteorologia

Meteorologia Parliamo di meteorologia...

webcam emilia romagna
Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 01-01-2018, 16:31   #11
Peval
Senior Member
 
Data Registrazione: Dec 2009
Località: Ravenna - Mainz
Messaggi: 2.154
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da geloneve Visualizza Messaggio
Oh, su questo argomento ci troviamo d'accordo...riposto un messaggio che scrissi alcuni mesi fa...


"Punto numero uno: credere all'80% dei politici, è come affidarsi alle braccia di un orso polare affamato e con cuccioli per cercare di riscaldarsi: TUTTO è comandato dalla politica (la quale è comandata dai magnati finanziatori) e non c'è cosa più stupida che credere ai politici.
Punto numero due: credere alle avulse teorie del 95% degli scienziati, sembra quasi una scelta di convenienza (e ci si fa più proseliti). L'IPCC (guidato e fidealizzato all'ONU) più volte è stato dimostrato che ha falsificato o esagerato i dati.
Punto numero tre: è ovvio che nessuno potrà mai dimostrare la VERA verità, ma dubito che gli scienziati a cui è data la voce siano liberi e non finanziati o manipolati dalle istituzioni e grosse lobby che puntano a creare ed espandere delle scuse per il mercato della green-economy (consapevoli, al tempo stesso, che il mercato dei petroli non avrà comunque mai ripercussioni, in quanto indispensabile).
Punto numero quattro: pensare che la stra-grande della maggior parte delle energie alternative siano pulite è un'altra grandissima cagat*, in quanto, per produrre e smaltire, ad esempio, i pannelli solari, quanta CO2 ed altro inquinamento vario si produce? Una montagna. Quindi, credere a queste cavolate (oltre al fatto che continuiamo a crescere a dismisura, cosa che, quindi, rende impossibile anche solo far rallentare l'immissione di CO2), dalle energie alternative (almeno, tante, non dico tutte) o al 95% degli scienziati (attenzione, il 95% degli scienziati che hanno diritto di parola, che è cosa ben diversa) è un eresia.

Detto ciò, non sono qui a dire che non bisogna stare attenti ad inquinare (per rispetto per la Natura che ci ospita), ma io sono convinto che l'inquinamento ci danneggia tantissimo, ma a livello di malattie, non di certo a livello di clima, perché per la Natura noi siamo dei moscerini ed i suoi feedback retroattivi per far calare le temperature ne ha quanto ne vuole (eruzioni vulcaniche, minimi solari, inversioni delle corrente marittime, etc...): sta solo aspettando il momento giusto, come ha sempre fatto e sempre farà, facendo aumentare e diminuire la CO2 e la temperatura a suo piacimento.

La Natura emette, ogni anno, circa 770 Gigatonnellate di CO2 in atmosfera contro le appena 30 Gt dell'uomo e ne riassorbe circa 790 (quindi ne assorbe più di quanto ne produce): e pensiamo che quello sputo di 10 Gt di CO2 in più prodotta dall'uomo possa travolgere l'ecosistema planetario?

Ma dai, diamoci una calmata, non sentiamoci dei dio in terra capaci (o colpevoli) di governare il clima e la Natura e con la pretesa di sapere e capire tutto.
Adesso tutti (a differenza di 50 anni fa) possono filmare una scimmia mentre scoreggia e sembra che cataclismi planetari sconvolgano l'intera Terra, quando, invece, sono sempre successi ma non si avevano i mezzi per filmarli, tutto qui; quindi, ma dai, diamo una calmata all'isterismo!
I fatti stanno che non sappiamo (e mai sapremo) tutte le infinite variabili che portano alla temperatura, CO2 e compagnia bella di calare ed alzarsi a loro piacimento...certo, potremo capirne certi aspetti, ma non tutti e nemmeno le interconnessioni tra di esse. Ma non abbiamo nemmeno l’umiltà di ammettere che non possiamo capirlo e, quindi, buttiamo là una spiegazione semplice semplice (che, per di più, ci fa sentire così onnipotenti perché in grado di cambiare il destino del mondo).
Di certo (per fortuna) l'uomo sparirà dal pianeta prima che questo finisca, ma non sarà di certo il clima ad ucciderci.
Però, è ovvio: il 95% degli utenti del forum (di tutti i forum) non saranno d'accordo con ciò che dico, ma non mi interessa: io non lo dico perché voglio essere controcorrente, o voglio il freddo e la neve o perché sono un complottista o che altro, io lo dico perché ne sono pienamente convinto, da sempre."
rispondo ad alcuni punti di gelo:

punto terzo: che ci siano scienziati politicizzati è vero (ed è vero in entrambi i sensi), ma c'è anche una buona parte che non lo è e crede fermamente che l'uomo cotribuisca al global warming. Come è arrivata a questa conclusione? semplicemente studiando e facendo ricerca.

"La Natura emette, ogni anno, circa 770 Gigatonnellate di CO2 in atmosfera contro le appena 30 Gt dell'uomo e ne riassorbe circa 790 (quindi ne assorbe più di quanto ne produce): e pensiamo che quello sputo di 10 Gt di CO2 in più prodotta dall'uomo possa travolgere l'ecosistema planetario?"

questo lo pensi tu ed è il tuo pensiero. Hai mai fatto un bilancio radiativo con tanto di modelli e calcoli per testare la sensitività di quelle 30 gigatommellate di CO2 in più? Fallo, poi magari ne riparliamo

punto quarto: sono assolutamente d'accordo. Le energie rinnovabili sono tutt altro che a impatto 0. Andando sempre più a monte nel problema credo che il tutto si possa riassumere in: siamo troppi su questo pianeta.

"Ma non abbiamo nemmeno l’umiltà di ammettere che non possiamo capirlo e, quindi, buttiamo là una spiegazione semplice semplice". Beh oddio, la spiegazione semplice semplice non lo è mica eh, trasferimento radiativo e climatologia penso siano stati alcuni degli esami più difficili che abbia mai dato. Il meccanismo alla base del global warming tramite l'emissione dei gas serra magari è chiaro e lo conoscete tutti, ma poi quando si va nei dettagli tanti auguri... Sul fatto che non si possa capire è vero solo in parte, nel senso che il meccanismo a me sembra chiaro eccome, che poi ci siano ancora alcuni aspetti da verificare allora questo è vero.

Concludo osservando che come dal tuo punto di vista gelo la "nostra" (persone che credono al contributo antropico nel GW) visione è di parte, a me lo sembra pure la tua. Un video di un comico (in cui ci sono parecchi spunti giusti sia chiaro) si, mentre migliaia di papers e studi in materia no? Anche qui bisognerebbe rifletterci un attimo
Peval è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 01-01-2018, 17:34   #12
geloneve
Responsabile Sez. "Angolo della Neve"
 
L'avatar di geloneve
 
Data Registrazione: Oct 2007
Località: San Biagio (RA) - 32 m. S.L.M. - Tra Forlì (FC) e Faenza (RA), a 851 m. dal comune di Forlì (FC)
Età: 36
Messaggi: 13.024
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da Peval Visualizza Messaggio
rispondo ad alcuni punti di gelo:

punto terzo: che ci siano scienziati politicizzati è vero (ed è vero in entrambi i sensi), ma c'è anche una buona parte che non lo è e crede fermamente che l'uomo cotribuisca al global warming. Come è arrivata a questa conclusione? semplicemente studiando e facendo ricerca.
Sicuramente, ma anche gli scienziati che ritengono che il GW sia mediaticamente amplificato e che l'uomo ne sia solo in minima parte responsabile avrà effettuato studi e ricerce scientifiche...quindi, come facciamo a dire quale delle 2 strade sia quella più realistica? E' ben difficile, quindi affermare con onnipotenza che il GW sia di natura largamente antropica è sbagliato...bisognerebbe lasciare un ampio margie di dubbio almeno.
Citazione:
Originariamente Scritto da Peval Visualizza Messaggio
"La Natura emette, ogni anno, circa 770 Gigatonnellate di CO2 in atmosfera contro le appena 30 Gt dell'uomo e ne riassorbe circa 790 (quindi ne assorbe più di quanto ne produce): e pensiamo che quello sputo di 10 Gt di CO2 in più prodotta dall'uomo possa travolgere l'ecosistema planetario?"

questo lo pensi tu ed è il tuo pensiero. Hai mai fatto un bilancio radiativo con tanto di modelli e calcoli per testare la sensitività di quelle 30 gigatommellate di CO2 in più? Fallo, poi magari ne riparliamo
Qui ammetto che vado solo a sensazione, quindi non posso risponderti in maniera decisa.
Citazione:
Originariamente Scritto da Peval Visualizza Messaggio
punto quarto: sono assolutamente d'accordo. Le energie rinnovabili sono tutt altro che a impatto 0. Andando sempre più a monte nel problema credo che il tutto si possa riassumere in: siamo troppi su questo pianeta.
Oh, questo è un punto sul quale sono pienamente d'accordo.
Ammesso per assurdo che l'uomo sia la causa principale del GW, come crediamo di fermarlo quando abbiamo un tasso di crescita spaventoso?!? E' IMPOSSIBILE! Detto, per prima cosa, che c'è troppo egoismo ed avidità per un mondo più green nel vero senso della parola, anche se utilizzassimo le energie rinnovabili a dovere, sono convinto che il loro minor tasso di impatto ambientale non potrebbe contrastare il tasso di crescita demografica che esiste.
In un concetto solo: siamo troppi e cresciamo troppo velocemente.
Vedrete che, prima o poi, il destinao o la Natura porovvederanno ad esterparci a dovere, come è accaduto con quasi tutte le razzi animali, come è giusto che sia nel ciclo naturale della Terra.

"Ma non abbiamo nemmeno l’umiltà di ammettere che non possiamo capirlo e, quindi, buttiamo là una spiegazione semplice semplice". Beh oddio, la spiegazione semplice semplice non lo è mica eh, trasferimento radiativo e climatologia penso siano stati alcuni degli esami più difficili che abbia mai dato. Il meccanismo alla base del global warming tramite l'emissione dei gas serra magari è chiaro e lo conoscete tutti, ma poi quando si va nei dettagli tanti auguri... Sul fatto che non si possa capire è vero solo in parte, nel senso che il meccanismo a me sembra chiaro eccome, che poi ci siano ancora alcuni aspetti da verificare allora questo è vero.
Citazione:
Originariamente Scritto da Peval Visualizza Messaggio
Concludo osservando che come dal tuo punto di vista gelo la "nostra" (persone che credono al contributo antropico nel GW) visione è di parte, a me lo sembra pure la tua. Un video di un comico (in cui ci sono parecchi spunti giusti sia chiaro) si, mentre migliaia di papers e studi in materia no? Anche qui bisognerebbe rifletterci un attimo
Concordo...ed il video del comico era solo una cosa simpatica che ho aggiunto e sulla quale non concordo appieno ma che, comunque, aiuta a riflettere almeno un po'.
Noto che non hai commentato tutti i punti: desumo, quindi, che su qualcosa concordi anche te, come io conconrdo su alcune tue risposte datemi.

Ti ringrazio perché ho trovato, questa volta, in te, un modo di confronto e di dialogo che, anche se vede punti di vista discordanti, mi è sembrato bello e costruttivo (lo scrivo seriamente, non lo scrivo a livello ironico di presa in giro).
__________________
W il GELO e la NEVE!
================================================== ============================================
Stazione meteo Davis Vantage Pro 2 - Località San Biagio - Faenza (RA) - 32 m. S.L.M. - tra Faenza e Forlì, a 851 m. dal comune di Forlì. Webcam
geloneve è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 06-01-2018, 18:47   #13
Simone
Great Member
 
Data Registrazione: Jan 2013
Località: Bologna (BO) 65 m. s.l.m.
Messaggi: 10.268
Predefinito

Grafico intetessante:
L'andamento dell'anomalia della temperatura annuale sulle Alpi dal 1760, come risulta dalla media delle stazioni storiche austriache. Lo scarto è calcolato rispetto alla media del 1900. Come si vede è sempre più caldo e la linea nera sta sfuggendo dal foglio. Gli effetto li vediamo anche in questi giorni con forti nevicate in quota per l'aumento di vapor d'acqua e piogge nelle valli, anche a nord delle Alpi dove un tempo regnava il gelo.
Fonte ZAMG, Zentralanstalt für Meteorologie und Geodynamik
Immagini Allegate
Tipo File: jpg FB_IMG_1515256920646.jpg (52,3 KB, 22 visite)
Simone è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 06-01-2018, 22:26   #14
ririno
Senior Member
 
Data Registrazione: Jan 2009
Località: fiorano m.145
Età: 60
Messaggi: 2.561
Predefinito

aggiungerei che il pattern dovrebbe essere poi favorevole agli states ma anche lì il riscaldamento invernale è più o meno lo stesso.
__________________
"ci vuol pazienza "
ririno è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 07-01-2018, 10:14   #15
ririno
Senior Member
 
Data Registrazione: Jan 2009
Località: fiorano m.145
Età: 60
Messaggi: 2.561
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da Simone Visualizza Messaggio
Ririno non ho capito bene il senso...
Se il freddo s’è messo (da anni) a seguire molto più spesso la strada degli Usa perché il gw è simile tra qua e là ?
__________________
"ci vuol pazienza "
ririno è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 07-01-2018, 12:11   #16
Simone
Great Member
 
Data Registrazione: Jan 2013
Località: Bologna (BO) 65 m. s.l.m.
Messaggi: 10.268
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da ririno Visualizza Messaggio
Se il freddo s’è messo (da anni) a seguire molto più spesso la strada degli Usa perché il gw è simile tra qua e là ?
Perché non conosciamo le conseguenze del GW: ad esempio le nostre estati sono cambiate più di altre zone del mondo a causa delle frequenti invasioni dell'hp africano
Simone è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 07-01-2018, 12:44   #17
Peval
Senior Member
 
Data Registrazione: Dec 2009
Località: Ravenna - Mainz
Messaggi: 2.154
Predefinito

sicuramente bisogna distinguere tra "weather" e "climate". E' vero che gli USA hanno visto episodi invernali estremi negli ultimi anni, ma questi sono stati appunto episodi (i cosiddetti "cold spells o cold shots"). Poi chiaro che vi sono stati inverni in tempi recenti finiti sottomedia (vedi il già citato 2013/2014) ma anche li si parla solo di una stagione e di determinate aree degli USA. Tali aree spesso sono le regioni dal midwest verso la costa est. Ad ovest la situazione è totalmente opposta, con questo inverno nettamente sopramedia e siccità prolungata. E anche gli inverni passati sono stati spesso sopra la media e secchi sempre sulla parte ovest. Poi nelle altre stagioni il GW fa il suo sporco lavoro anche da loro, con heat waves in estate sempre più cattive e frequenti, come da noi in europa. Il risultato è un incremento delle temperature nel lungo termine simile all'europa, ma in cui sono inseriti casi di limitata estensione temporale (stagioni) e spaziale di netto sottomedia. Che è poi un classigo del global warming, il trend su larga scala sia spaziale e temporale è ben tracciato, ma quello che viene "scombussolato" è la variabilità su corta scala temporale e che affligge solo determinate regioni.

qui su wikipedia è riassunto bene il tutto (link in inglese):

https://en.wikipedia.org/wiki/Climat..._United_States

per finire aggiungo il mio pensiero: credo fermamente che la causa di questo pattern abbastanza frequente negli ultimi anni con costa est USA al gelo e costa ovest sotto perenne anticiclone (che per l'europa significa storm track che lavora a 1000 con perturbazioni atlantiche che si susseguono senza sosta) sia prettamente dinamica. Il problema è capire cosa la sta causando. Lo scioglimento dei ghiacci su groenlandia e la conseguente anomalia negativa delle SST sul nord atlantico, mentre nel golfo del messico e nel "medio" atlantico le anomalie delle SST sono positive sicuramente favorisce il proliferare di perturbazioni atlantiche dato il gradiente di temperatura più spinto. E questo è un possibile (e probabile) ingrediente, cene sono sicuramente altri di cui non sono e non siamo ancora a conoscenza.
Peval è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 07-01-2018, 13:16   #18
Simone
Great Member
 
Data Registrazione: Jan 2013
Località: Bologna (BO) 65 m. s.l.m.
Messaggi: 10.268
Predefinito

Condivido peval.
Secondo me però il flusso atlantico sta facendo aumentare mediamente le precipitazioni sull'Europa, il problema della siccità si presenta in estate a causa della già citata dinamica che forza l'ha africano verso nord.
Uno studio sul nostro clima fatto da arpa ha evidenziato un aumento delle precipitazioni, soprattutto in appennino
Simone è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 07-01-2018, 13:17   #19
cicciod
Senior Member
 
L'avatar di cicciod
 
Data Registrazione: Nov 2008
Località: Ponticella (San Lazzaro di Savena - BO) - 90 msl
Età: 37
Messaggi: 4.873
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da ririno Visualizza Messaggio
Se il freddo s’è messo (da anni) a seguire molto più spesso la strada degli Usa perché il gw è simile tra qua e là ?
una cosa e' il gw che parla in genere di T annuali
una cosa e' che succede in inverno
se anche le due osservazioni fossero all opposto ci sono primavera estate e autunno x rimettere le cose concordi
__________________
W LA NEVE!!!!

Qualche mia bella foto.... http://www.panoramio.com/user/1976337
cicciod è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 07-01-2018, 13:23   #20
Peval
Senior Member
 
Data Registrazione: Dec 2009
Località: Ravenna - Mainz
Messaggi: 2.154
Predefinito

COntinuiamo qui la discussione su Global Warming su Europa e USA, contributo antropico ecc ecc...
Peval è offline   Rispondi Con Citazione
Rispondi


Utenti Attualmente Attivi Che Stanno Visualizzando Questa Discussione: 1 (0 utenti e 1 ospiti)
 
Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 07:11.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.