meteo
   

Torna Indietro   Forum meteo della regione Emilia Romagna > Meteorologia > Meteorologia

Meteorologia Parliamo di meteorologia...

webcam emilia romagna
Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 01-01-2019, 16:23   #1
massimo anzola
Senior Member
 
L'avatar di massimo anzola
 
Data Registrazione: Sep 2008
Località: Anzola dell'Emilia
Messaggi: 2.635
Predefinito inverno 1708/1709

visto che il forumista Martin ha citato, nel mio post sul 1978/79, l'inverno in oggetto, uno dei più freddi in assoluto dello scorso millennio, eccone una breve descrizione:
L'inverno precedente (1707/08) era stato mite ma piovosissimo, la primavera 1709 fu fredda e tempestosa fino alla fine di giugno, l'estate fu molto secca anche se non caldissima (in quegli anni comunque ci furono molte estati caldissime e secche: 1701, 1704, 1707). L'autunno iniziò con copiosissime piogge fra fine settembre ed inizio ottobre, ma l'inverno avrebbe precocemente fatto sentire i suoi morsi: già il 12 e 13 ottobre neve a quote molto basse e il 29 ottobre ci fu un'abbondantissima nevicata a Modena e Bologna (oltre che in altre località come Alessandria).
Non era però ancora tempo per un freddo duraturo: novembre fu mite e secco e persino dicembre non fu crudo: solo un periodo di freddo e neve fra il 6 e il 15 (neve a Bologna e Modena il 12) e per il resto tempo mite, ma molto piovoso. Il tempo mite e molto piovoso (allagamenti nel Ravennate) continua anche all'inizio di gennaio, ma la grande svolta era ormai prossima.
La notte dell'Epifania il freddo fece la sua violenta irruzione in Pianura Padana con una bora fortissima e impetuosa e già la mattina del 7 la laguna di Venezia era in gran parte ghiacciata; nei giorni successivi ghiacciarono tutti i fiumi (il Po fu l'ultimo ad arrendersi: il giorno 11 era oramai interamente ghiacciato).
L'aspetto più devastante di questa ondata di gelo fu la rapidità con cui avvenne e l'intensità del vento di bora che continuò ad imperversare per molti giorni con raffiche sui 60-70 km/h. anche nelle zone più interne della pianura padana (cosa veramente rarissima).
Naturalmente il freddo era accompagnato anche dalla neve: rimane storica la nevicata di 50 cm. nella mitissima Sanremo. Fra il 20 e il 23 gennaio si raggiunse l'apice del freddo, quando tutti gli alberi, anche i più resistenti si spaccarono per il gelo e non c'era posto, anche il più riparato all'interno delle case, dove qualsiasi liquido non congelasse.
Solo negli ultimi giorni di gennaio la temperatura migliorò e i fiumi iniziarono a scongelarsi, ma in febbraio il freddo tornò, anche se non ai livelli precedenti ed alternato a fasi più miti; comunque nell'ultima decade del mese ci furono abbondanti nevicate di oltre 40 cm. in tutta la pianura emiliana e i campi rimasero completamente innevati fino alla seconda metà di marzo, quando finalmente il grande inverno poté dirsi concluso.
Sulla base di molte considerazioni si stima che in gennaio le temperature raggiungessero i -20 sulle coste e nelle più miti aree collinari e livelli inferiori a -30 nelle pianure emiliane: una segnalazione di -36 a Faenza (anche se dubbia) e il fatto che furono distrutti anche alberi come i meli che resistono fino a -40 sono indizi che lasciano ben pochi dubbi sul fatto che sicuramente i picchi di temperatura sfiorarono o forse raggiunsero i fatidici -40.
Quell'inverno fu gelidissimo in quasi tutta Europa, tranne in Islanda (dove fu molto mite) e nelle parti più occidentali delle isola britanniche, mentre ad est fu risparmiata solo la Turchia
__________________
Nell'avatar :l'inverno 1829/30 a Bologna
massimo anzola è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 01-01-2019, 17:57   #2
Martin MB
Member
 
L'avatar di Martin MB
 
Data Registrazione: Nov 2017
Località: Monte San Pietro (BO) - 371 mt. s.l.m.
Età: 16
Messaggi: 306
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da massimo anzola Visualizza Messaggio
visto che il forumista Martin ha citato, nel mio post sul 1978/79, l'inverno in oggetto, uno dei più freddi in assoluto dello scorso millennio, eccone una breve descrizione:
L'inverno precedente (1707/08) era stato mite ma piovosissimo, la primavera 1709 fu fredda e tempestosa fino alla fine di giugno, l'estate fu molto secca anche se non caldissima (in quegli anni comunque ci furono molte estati caldissime e secche: 1701, 1704, 1707). L'autunno iniziò con copiosissime piogge fra fine settembre ed inizio ottobre, ma l'inverno avrebbe precocemente fatto sentire i suoi morsi: già il 12 e 13 ottobre neve a quote molto basse e il 29 ottobre ci fu un'abbondantissima nevicata a Modena e Bologna (oltre che in altre località come Alessandria).
Non era però ancora tempo per un freddo duraturo: novembre fu mite e secco e persino dicembre non fu crudo: solo un periodo di freddo e neve fra il 6 e il 15 (neve a Bologna e Modena il 12) e per il resto tempo mite, ma molto piovoso. Il tempo mite e molto piovoso (allagamenti nel Ravennate) continua anche all'inizio di gennaio, ma la grande svolta era ormai prossima.
La notte dell'Epifania il freddo fece la sua violenta irruzione in Pianura Padana con una bora fortissima e impetuosa e già la mattina del 7 la laguna di Venezia era in gran parte ghiacciata; nei giorni successivi ghiacciarono tutti i fiumi (il Po fu l'ultimo ad arrendersi: il giorno 11 era oramai interamente ghiacciato).
L'aspetto più devastante di questa ondata di gelo fu la rapidità con cui avvenne e l'intensità del vento di bora che continuò ad imperversare per molti giorni con raffiche sui 60-70 km/h. anche nelle zone più interne della pianura padana (cosa veramente rarissima).
Naturalmente il freddo era accompagnato anche dalla neve: rimane storica la nevicata di 50 cm. nella mitissima Sanremo. Fra il 20 e il 23 gennaio si raggiunse l'apice del freddo, quando tutti gli alberi, anche i più resistenti si spaccarono per il gelo e non c'era posto, anche il più riparato all'interno delle case, dove qualsiasi liquido non congelasse.
Solo negli ultimi giorni di gennaio la temperatura migliorò e i fiumi iniziarono a scongelarsi, ma in febbraio il freddo tornò, anche se non ai livelli precedenti ed alternato a fasi più miti; comunque nell'ultima decade del mese ci furono abbondanti nevicate di oltre 40 cm. in tutta la pianura emiliana e i campi rimasero completamente innevati fino alla seconda metà di marzo, quando finalmente il grande inverno poté dirsi concluso.
Sulla base di molte considerazioni si stima che in gennaio le temperature raggiungessero i -20 sulle coste e nelle più miti aree collinari e livelli inferiori a -30 nelle pianure emiliane: una segnalazione di -36 a Faenza (anche se dubbia) e il fatto che furono distrutti anche alberi come i meli che resistono fino a -40 sono indizi che lasciano ben pochi dubbi sul fatto che sicuramente i picchi di temperatura sfiorarono o forse raggiunsero i fatidici -40.
Quell'inverno fu gelidissimo in quasi tutta Europa, tranne in Islanda (dove fu molto mite) e nelle parti più occidentali delle isola britanniche, mentre ad est fu risparmiata solo la Turchia
Ottimo! Che dati interessantissimi, ma dove trovi tutte queste informazioni?

Comunque sono felice di avere tirato fuori questo discorso perché probabilmente parliamo dell'inverno più rigido dall'anno 0...comunque cosa intendi per aree collinari più miti? Non credo ci fosse inversione termica in quella situazione
__________________
"All truths are easy to understand once they're discovered. The point is to discover them." ~ Galileo Galilei / Monitoraggio climatico Bologna e provincia. - - - > www.meteobolognaeprovincia.it

Stazione meteo:
http://www.emiliaromagnameteo.com/re...=WL_sanchierlo
Martin MB è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 01-01-2019, 18:33   #3
Lorenzo
Great Member
 
L'avatar di Lorenzo
 
Data Registrazione: Jan 2010
Località: Carpi (Mo) 26m slm
Messaggi: 11.643
Predefinito

Pazzesco. Dev’essere stato un qualcosa di incredibile... a leggere quelle temperature rischia di impallidire anche lo storico ‘85


Inviato da iPhone X
__________________
"La neve è una poesia. Una poesia che cade dalle nuvole in fiocchi bianchi e leggeri. Questa poesia arriva dalle labbra del cielo, dalla mano di Dio. Ha un nome. Un nome di un candore smagliante. Neve."
Lorenzo è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 01-01-2019, 21:41   #4
novalis
Active Member
 
L'avatar di novalis
 
Data Registrazione: Dec 2006
Località: Ville Unite col cuore - Ravenna city col corpo
Messaggi: 1.370
Predefinito

Davvero interessante, posso chiederti la fonte?
__________________
ALBIS ARDUA
novalis è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 01-01-2019, 23:22   #5
Daniele87
Member
 
L'avatar di Daniele87
 
Data Registrazione: Dec 2007
Località: Forlì (Zona Aeroporto) 34m. slm
Età: 32
Messaggi: 759
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da novalis Visualizza Messaggio
Davvero interessante, posso chiederti la fonte?
https://it.wikipedia.org/wiki/Ondata...27inverno_1709
__________________
Assolutamente da leggere almeno una volta:

TRATTATO SUL NIVOFILO http://www.centrometeolombardo.com/c...ContentId=4072 am fé murir!!!
Daniele87 è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 02-01-2019, 08:40   #6
massimo anzola
Senior Member
 
L'avatar di massimo anzola
 
Data Registrazione: Sep 2008
Località: Anzola dell'Emilia
Messaggi: 2.635
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da novalis Visualizza Messaggio
Davvero interessante, posso chiederti la fonte?
Daniele 87 ha citato Wikipedia, ma la mia fonte è il libro:
"Le meteore e il frumento" di Roberto Finzi, ed. Il Mulino, 1986
Ne libro c'è un'ulteriore blbliografia.
__________________
Nell'avatar :l'inverno 1829/30 a Bologna
massimo anzola è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 02-01-2019, 08:43   #7
massimo anzola
Senior Member
 
L'avatar di massimo anzola
 
Data Registrazione: Sep 2008
Località: Anzola dell'Emilia
Messaggi: 2.635
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da Martin MB Visualizza Messaggio
Ottimo! Che dati interessantissimi, ma dove trovi tutte queste informazioni?

Comunque sono felice di avere tirato fuori questo discorso perché probabilmente parliamo dell'inverno più rigido dall'anno 0...comunque cosa intendi per aree collinari più miti? Non credo ci fosse inversione termica in quella situazione
per quanto riguarda le aree collinari lo dice la mia fonte (vedi più avanti la risposta ad un altro forumista), comunque l'inversione termica c'entra sempre, anche in quelle situazioni estreme.
__________________
Nell'avatar :l'inverno 1829/30 a Bologna
massimo anzola è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 02-01-2019, 10:02   #8
RG62
Member
 
Data Registrazione: Mar 2010
Località: Rimini (RN) - pianura
Messaggi: 789
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da massimo anzola Visualizza Messaggio
visto che il forumista Martin ha citato, nel mio post sul 1978/79, l'inverno in oggetto, uno dei più freddi in assoluto dello scorso millennio, eccone una breve descrizione:
L'inverno precedente (1707/08) era stato mite ma piovosissimo, la primavera 1709 fu fredda e tempestosa fino alla fine di giugno, l'estate fu molto secca anche se non caldissima (in quegli anni comunque ci furono molte estati caldissime e secche: 1701, 1704, 1707). L'autunno iniziò con copiosissime piogge fra fine settembre ed inizio ottobre, ma l'inverno avrebbe precocemente fatto sentire i suoi morsi: già il 12 e 13 ottobre neve a quote molto basse e il 29 ottobre ci fu un'abbondantissima nevicata a Modena e Bologna (oltre che in altre località come Alessandria).
Non era però ancora tempo per un freddo duraturo: novembre fu mite e secco e persino dicembre non fu crudo: solo un periodo di freddo e neve fra il 6 e il 15 (neve a Bologna e Modena il 12) e per il resto tempo mite, ma molto piovoso. Il tempo mite e molto piovoso (allagamenti nel Ravennate) continua anche all'inizio di gennaio, ma la grande svolta era ormai prossima.
La notte dell'Epifania il freddo fece la sua violenta irruzione in Pianura Padana con una bora fortissima e impetuosa e già la mattina del 7 la laguna di Venezia era in gran parte ghiacciata; nei giorni successivi ghiacciarono tutti i fiumi (il Po fu l'ultimo ad arrendersi: il giorno 11 era oramai interamente ghiacciato).
L'aspetto più devastante di questa ondata di gelo fu la rapidità con cui avvenne e l'intensità del vento di bora che continuò ad imperversare per molti giorni con raffiche sui 60-70 km/h. anche nelle zone più interne della pianura padana (cosa veramente rarissima).
Naturalmente il freddo era accompagnato anche dalla neve: rimane storica la nevicata di 50 cm. nella mitissima Sanremo. Fra il 20 e il 23 gennaio si raggiunse l'apice del freddo, quando tutti gli alberi, anche i più resistenti si spaccarono per il gelo e non c'era posto, anche il più riparato all'interno delle case, dove qualsiasi liquido non congelasse.
Solo negli ultimi giorni di gennaio la temperatura migliorò e i fiumi iniziarono a scongelarsi, ma in febbraio il freddo tornò, anche se non ai livelli precedenti ed alternato a fasi più miti; comunque nell'ultima decade del mese ci furono abbondanti nevicate di oltre 40 cm. in tutta la pianura emiliana e i campi rimasero completamente innevati fino alla seconda metà di marzo, quando finalmente il grande inverno poté dirsi concluso.
Sulla base di molte considerazioni si stima che in gennaio le temperature raggiungessero i -20 sulle coste e nelle più miti aree collinari e livelli inferiori a -30 nelle pianure emiliane: una segnalazione di -36 a Faenza (anche se dubbia) e il fatto che furono distrutti anche alberi come i meli che resistono fino a -40 sono indizi che lasciano ben pochi dubbi sul fatto che sicuramente i picchi di temperatura sfiorarono o forse raggiunsero i fatidici -40.
Quell'inverno fu gelidissimo in quasi tutta Europa, tranne in Islanda (dove fu molto mite) e nelle parti più occidentali delle isola britanniche, mentre ad est fu risparmiata solo la Turchia

Che resoconto... Sembra l'Alaska!
RG62 è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 02-01-2019, 15:57   #9
novalis
Active Member
 
L'avatar di novalis
 
Data Registrazione: Dec 2006
Località: Ville Unite col cuore - Ravenna city col corpo
Messaggi: 1.370
Predefinito

grazie!
__________________
ALBIS ARDUA
novalis è offline   Rispondi Con Citazione
Rispondi


Utenti Attualmente Attivi Che Stanno Visualizzando Questa Discussione: 1 (0 utenti e 1 ospiti)
 
Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 08:37.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.